Buzzoole, storia di un successo napoletano





team buzzooleE’ da  un po’ che non scrivo su questo blog perchè sono impegnato in un progetto in cui negli ultimi due anni ho investito tutto il mio tempo.
Un investimento che mi ha portato numerose soddisfazioni, una delle più importanti è quella che annuncio ufficialmente oggi: Buzzoole ha chiuso un aumento di capitale per una cifra che supera il milione di dollari!
Tutto questo grazie ad un team eccezionale composto ora da 20 persone e con oltre 150 clienti internazionali raggiunti in solo due anni!

Oggi voglio raccontarvi la storia di questa avventura, iniziata due anni fa. Allacciatevi le cinture…si parte!

Come arrivo a Buzzoole

Chi mi segue o mi seguiva su questo blog saprà che ero un libero professionista e realizzavo applicazioni web e portali, sia per clienti diretti che per le migliori web agency italiane.
In genere lavoravo “dietro le quinte” firmando anche nda per non divulgare che avevo realizzato io interi progetti importanti.
Nel tempo libero realizzavo qualche app personale per puro divertimento tra cui “Munnezza”  insieme all’amico Luca Pignataro (per sensibilizzare i cittadini napoletani sul problema dell’immondizia), che in due giorni raggiunse un traffico enorme (ma poi bannata da fb) e “Io sono Abruzzo” un’app per non dimenticare le vittime del terremoto del 2009 (per la quale ho avuto anche un’ intervista su canale 5), e scrivevo anche un libro per Apogeo ( Sviluppare applicazione facebook )
Fino ad arrivare ad un weekend di tre anni fa, quando in 6 ore diedi vita a Pingram.me , un’app nata per utilizzo personale ma che in una sola settimana fece il giro del mondo, grazie al passaparola di utenti e blogger che apprezzavano l’idea del mashup di Instagram e Pinterest. In poco tempo ottenni un’enorme attenzione mediatica, prima dalla stampa internazionale e poi da quella italiana. Interviste, inviti ad eventi internazionali e contatti di lavoro in special modo in America.

L’incontro con Fabrizio

2013-10-30 09.32.48-1Il successo di Pingram mi sconvolse e mi fece valutare seriamente l’idea di andar via dall’Italia poiché avevo ricevuto due offerte interessanti, una da una startup di TelAviv ed una da un’azienda di S.Francisco.
In quei giorni, un amico (Fabio Cecaro) mi propose di accompagnarlo ad un evento di startup a Napoli (3/7/12) organizzato da Giovanni De Caro. Fu a quell’evento che un altro amico (Antonio Prigiobbo) mi presentò Fabrizio Perrone.
Fabrizio mi raccontò del suo progetto “ViralEye”, una piattaforma per la generazione del passaparola.
Trovai subito il progetto interessante  (pensando al passaparola che Pingram aveva generato) e mi piacque la sfida di creare un algoritmo molto complesso, ma quello che più mi colpì fu l’impressione positiva che mi aveva fatto Fabrizio.
Oltre ad essere un professionista nel suo settore, infatti, mi sembrò subito molto ambizioso e tenace. Non ebbi dubbi, gli strinsi la mano e cominciammo l’avventura.

Buzzoole, la nascita

Iniziarono giorni intensi tra messaggi facebook, sms, telefonate ed email…Decidemmo di trovare un nuovo nome e nacque Buzzoole (“Buzz” all’ennesima potenza), contattammo inoltre  un servizio web per avere una bozza di logo partendo da nostre indicazioni.
Iniziammo a formare il team stellare. Coinvolsi nel progetto due professionisti in gamba, Luca Pignataro, grafico con cui avevo già effettuato molti lavori, tra cui l’app facebook “Munnezza”  e il programmatore e sistemista Luca Camillo, con cui avevo lavorato su altri progetti.

Ecco   i fantastici 4 founders di Buzzoole!

430386_10151122027828565_151119428_nPartecipammo subito ad un evento a Napoli “La battaglia delle idee” e vincemmo il programma Microsoft BizPark, che ci permise di avere servizi web dal valore di 30.000 euro.

Ci mettemmo subito al lavoro ed in pochi mesi avemmo una versione alfa, un prototipo della nostra idea. Un’interfaccia carina per valutare l’influenza degli utenti basata su una prima versione del nostro algoritmo, un mix di inferenza statistica, regole semantiche ed un’ontologia iniziale
Il prototipo funziona, piace agli utenti e raccogliemmo la fiducia degli investitori. Il primo a credere in noi fu Gennaro Tesone di 56Cube ed è  grazie a lui che abbiamo il primo investimento  di 180k da parte di Digital Magics.
A Ottobre 2013 nasce Buzzoole s.r.l.

Buzzoole, il Team

11696387_10207629709329352_5733455968153364723_oIl primo ufficio fu all’interno della Città della Scienza, dove fummo ospiti della bravissima Mariangela Contursi. Un posto ideale per iniziare una startup e lo sviluppo della beta.  Iniziarono i primi colloqui e ci  colpirono 4 persone che ci avrebbero aiutato a fare la storia: Viviana Cavaliere, Antonio Melani, Salvatore Sica e Antonio Frignani.
Quattro persone giovanissime e piene di entusiasmo che dal primo giorno ebbero fiducia nel progetto ed è anche  grazie a loro che sono qui a parlare del successo di Buzzoole.
Intanto iniziarono gli eventi internazionali dove facemmo un’ ottima figura ed entrammo sul mercato iniziando  a fatturare e, cosa più importante, i nostri clienti furono subito soddisfatti!
In pochi mesi cambiammo ufficio, passammo al centro direzionale, ma la location era troppo fredda per la nostra passione, quindi ci spostammo a via Roma, dove si aggiunsero nuove persone: Daniela Guglielmo, Marta Zienkiewicz  e Ilaria Piemonte.
Ormai Buzzoole era cresciuta e ci serviva un ufficio più grande. Ed è per questo  che abbiamo scelto la sede di Via Chiatamone, dove  altre persone eccezionali sono entrate nel team: Nicoletta Guardasole, Gaetano Del Prete, Valentina Visconti,  Serena Minazio, Viviana Baratto e Marina Mola, oltre ai due sales di Roma e Milano, Giuseppe Langfelder e Giovanna Parente.

Buzzoole e gli eventi internazionali

10462718_10152626846177694_2066638641762700720_n
Durante questo viaggio abbiamo partecipato a molti eventi italiani ed internazionali: Berlino, Vienna, Dublino, Vilnius, Berkeley, S.Francisco. Abbiamo avuto attestati di stima che ci hanno dato la forza per dare sempre il meglio in quello che facciamo. L’evento che ho più nel cuore però è stato l’ Intel Business Challenge Europe 2014 dove ci siamo qualificati tra le prime 8 startup al mondo su più di 24.000 startup selezionate. Un viaggio che è partito vincendo la finale a Vilnius, per poi lottare con le altre 24 in finale a Berkeley. E’ stato emozionante,  come anche il servizio che ci ha dedicato Rai Uno con il titolo “I nuovi eroi”.

Buzzoole, oggi

11018604_10153513639494367_4594653262322036077_n_Fotor_CollageEd eccoci ad oggi quando  annunciamo un aumento di capitale di oltre un milione di dollari ad un solo anno di entrata nel mercato, con più di 150 clienti internazionali.
Abbiamo un ufficio fantastico con aree relax con tavolo da biliardo, tavolo da ping pong, playstation e frigo sempre pieno di birre ;)
Tutto questo non a S.Francisco, ma qui in Italia. Anzi! A Napoli.
Perché siamo napoletani ed orgogliosi di esserlo!

Ovviamente siamo ancora all’inizio… presto apriremo sede a Londra e a New York e vogliamo espanderci a livello mondiale.
Insomma, mi toccherà aggiornare il post tra un po’!!

Go Buzzoole Go!

Parlano di noi (oggi…)

Seguimi su twitter : @ironico

Leave a Reply

  

  

  

Login with:
Powered by Sociable!

Per essere informato sui miei contenuti - Email: